STATO DI AGITAZIONE LAVORATORI TBS IMAGING FISCIANO (SA) – Gruppo Althea

Ancora preoccupazione tra i metalmeccanici della provincia di Salerno!

Circa un anno fa il fondo britannico Permira ha lanciato un’Opa per l’acquisto di un gruppo di aziende del settore elettrobiomedicale operanti in molte regioni italiane con circa 1600 addetti complessivi, tra cui TBS IMAGING di Fisciano (SA) che conta 50 dipendenti.

Nei mesi successivi, completato il percorso burocratico, le organizzazioni sindacali dei metalmeccanici e del commercio a livello nazionale, come previsto dalle procedure di legge, hanno incontrato l’azienda il 18 gennaio scorso a Roma chiedendo rassicurazioni e chiarimenti sui numeri e gli sviluppi occupazionali e organizzativi dell’operazione e sollecitando la condivisione di un piano industriale.

Riteniamo, infatti, fondamentale il mantenimento di tutti i presidi territoriali, in particolare quelli, come la TBS IMAGING di Fisciano (SA), che godevano di autonomia produttiva e di un proprio ventennale portafoglio clienti, sia pubblico che privato, e che ora, con l’accorpamento, rischiano di diventare invece periferici.

Negli incontri con l’azienda, incluso l’ultimo del 18 maggio 2018, le organizzazioni sindacali hanno più volte chiamato il management ad uscire allo scoperto rispetto alle prospettive organizzative ed occupazionali, ricevendo però solo risposte vaghe che rimandano i chiarimenti a dopo la fusione delle tante aziende sotto il cappello di Althea, prevista per il 1 luglio 2018. In altre parole, a giochi fatti!

Al contrario, le organizzazioni sindacali ritengono urgente entrare nel merito, visto che negli ultimi mesi si sono palesate gravi lacune nella nuova governance a livello organizzativo, nella risposta ai clienti (cioè, quasi esclusivamente, il servizio sanitario pubblico) e su altri aspetti importanti dell’attività, lacune aggravate anche dalle vicende giudiziarie che hanno interessato alcuni soggetti del gruppo.

Vista l’importanza di questa vertenza, che chiama in causa direttamente un settore vitale del paese quale la sanità pubblica, le organizzazioni sindacali ritengono non più sufficiente il semplice confronto tra le parti, data anche la chiusura aziendale alle richieste dei lavoratori. Per questo, in vista del prossimo tavolo già fissato per il 14 giugno 2018, le organizzazioni sindacali coinvolgeranno il Ministero dello Sviluppo Economico, proclamando al contempo lo stato di agitazione di tutto il personale e convocando assemblee in tutti i luoghi di lavoro.

L’assemblea tenutasi ieri nello stabilimento TBS IMAGING di Fisciano (SA), oltre ad analizzare in dettaglio lo stato a cui è giunta la vertenza ed i successivi passi da compiere, ha fatto emergere la necessità di fare appello anche per la nostra regione alle Istituzioni e, in particolare, alla Regione Campania affinché contribuisca ad un piano di sviluppo e rilancio reale di questi importanti servizi, scongiurando il rischio di una mera operazione di business.

Please publish modules in offcanvas position.

Free Joomla! template by L.THEME